Occupazione dell’università di Genova- comunicato

  • Maggio 13, 2021 18:04

 

COMUNICATO DI OCCUPAZIONE DELL’UNIVERSITA di GENOVA

Già… prima
Le scuole cadevano a pezzi, già prima. I contratti di poche settimane di supplenza c’erano, già
prima. Gli atenei di serie A drenavano studenti dalle regioni più povere, già prima. I fondi per la
ricerca andavano ai privati, già prima. La ricerca in generale, era tutta tarata sugli interessi della
confindustria, già prima. L’industria turistica distruggeva le nostre città riducendole a vetrine ed
aziende, sulle spalle sopratutto del precariato giovanile, già prima. I costi della scuola italiana erano
insostenibili per le famiglie di chi lavora, già prima. I/Le giovani dovevano scegliere tra studiare e
lavorare, già prima. Le vostre perverse logiche di mercato ci tenevano schiacciati/e a terra con
stipendi da fame, già prima.
Già prima della pandemia. Non abbiamo scoperto niente di nuovo, il cancro restano 30 anni di
devastazione e saccheggio dello stato sociale, il cancro siete voi che fate gli interessi del capitale
sulla nostra pelle.
La pandemia ha obbligato il mondo a fermarsi, il virus esiste e non saremo certo noi a negarlo;
saremo invece noi a dire che lo stravolgimento che il Covid ha creato non è stato uguale per tutti e
tutte. Saremo noi a dire che c’è chi in questi mesi ha continuato a guadagnare miliardi e chi per
quei miliardi ha perso la vita. Saremo noi a dire che l’onda d’urto è stata così ampia perché questo
Stato non è stato in grado di investire lì dove sono i veri interessi della collettività. Saremo noi a
dire che non è più possibile mascherare con la retorica dell’emergenza il fallimento di un intero
Stato.
Rivoluzione in presenza: dopo più di un anno di allontanamento forzato dalla nostra università, un
anno in cui abbiamo visto i nostri diritti calpestati nel più ipocrita e viscido dei modi, abbiamo
deciso di prendere l’iniziativa. Spetta a noi student* e lavorator* attuare una critica pratica contro
una logica istituzionale che affianca e sostiene la società di classe.
Questa occupazione vuole restituire alla città un’Università popolare ed universale, intesa come
ambasciatrice di diritti e non come un’azienda che fornisce un servizio.
Chiediamo l’abolizione dell’ANVUR: ente che tramite la perversa logica del merito, acuisce le
differenze tra atenei e piega il mondo della ricerca alla necessità del profitto di pochi, anzi che agli
interessi della collettività, finanziando solo quei settori strategici come l’industria militare.
Università Liberata. Nuova Università.
La nuova università liberata sfiducia istituzioni distanti e nemiche, prone davanti agli interessi di
Confindustria, del mercato e dei centri di potere internazionali.
Sfiduciamo un governo e un Parlamento che hanno avuto il solo interesse di sfruttare l’opportunità
data dalla pandemia per ultimare il processo di decostruzione e sterilizzazione della scuola pubblica,
alzando barriere là dove ancora mancavano, andando a minare la base stessa dell’educazione, ossia
il rapporto diretto e dialettico tra insegnanti e studenti, tra questi e gli spazi da loro frequentati.
La nuova università liberata è contraria alle logiche meritocratiche con le quali vengono oppressi/e
giovani delle classi popolari che mai avranno la possibilità di salire la scala sociale, che mai
potranno cambiare le proprie condizioni di vita.
La nuova università liberata contrappone alle “competenze specifiche” a cui viene finalizzato il
percorso universitario imposto dall’Unione Europea un’università popolare e universale che
permetta tramite un percorso plurale e critico l’emancipazione del soggetto, delle masse e dunque
del mondo intero tramite la piena realizzazione della collettività.

La nuova università liberata ripudia le condizioni di lavoro povero in cui siamo costretti/e,
obbligati/e a sottostare a contratti a grigio o lavoro nero: si tratta di macellerie sociali dove il lavoro
dequalificato si traduce in un’assenza di diritti e mancanza di potere contrattuale.
La nuova università liberata ripudia le politiche di Educazione al Precariato quali stage ed
alternanza scuola-lavoro che equiparano lo/la studente al/alla lavoratore/trice, anche se minorenne e
non salariato/a. Sappiamo che ci volete precari/e a vita, perché senza potere contrattuale saremo più
ricattabili. Ripudiamo il precariato che affermiamo essere un vero e proprio Delitto di Stato!
La nuova università liberata è scevra da ogni logica di consumo, con cui le nuove generazioni
vengono private della propria persona, atomizzate e ridotte in miseria e depressione come indicano i
casi di suicidi qui a Genova sempre in aumento di settimana in settimana.
La nuova università liberata ripudia la repressione dello Stato italiano e di tutti gli Stati che, per
difendere la refurtiva delle classi dominanti dalle masse popolari che insorgono, le reprimono
ricorrendo al bastone e all’incarcerazione.
Rivendichiamo la liberazione di tutte e tutti i militanti rivoluzionari detenuti.
La nuova università liberata è solidale con tutte le lotte portate avanti nella città, nel paese e nel
mondo:
Solidali ai compagni del CALP che vivono una durissima repressione per aver reintrodotto lo
sciopero sociale nel porto più grande del Mediterraneo e avere bloccato i traffici di armi che
alimentano le guerre imperialiste contro i paesi nel Sud del mondo.
Solidali ai compagni e alle compagne del Movimento No TAV che in questi giorni stanno vivendo
l’ennesima forte repressione in una delle Valli più libere di questo paese, libera perché è una valle
unita e organizzata nella lotta popolare, l’unico strumento che ci separerà dalla barbarie capitalista.
Dalla Nuova università Liberata all’imperialismo del blocco atlantico, che drena le nostre migliori
menti per fornire strumenti di morte e dominio agli oppressori, noi opponiamo la lotta
antimperialista ed internazionalista, perché non esistano più zone del mondo “sottosviluppate” e
dominate dal cancro metastatico occidentale.
Denunciamo per questo come criminali le sanzioni imposte ai paesi socialisti; l’UE e gli Stati Uniti
tramite la coercizione economica rendono impossibile l’autodeterminazione dei popoli che
decidono di non allinearsi alle politiche del Fondo Monetario Internazionale.
Noi siamo qui per iniziare un cammino di liberazione, un cammino che non si fermerà alle mura di
questo edificio o all’Università di Genova, ma che porterà alla costruzione di un nuovo mondo,
necessario e possibile, e all’abbattimento del regime vigliacco che ci prospetta solo fame, solitudine
e precarietà.
Per i motivi sopraelencati tracciamo una linea su questo cancello, del quale facciamo oggi una
barricata, al di qua della quale sta l’Università Libera e l’interesse della collettività, al di là della
quale sta un modello economico sempre più disuguale e fondato sul profitto di pochi.
A pochi giorni dal 25 aprile, rilanciamo con forza l’urlo della resistenza contro la vostra
barbarie.
Come Studio Genova La nuova Università Liberata
Genova, 19/04/2021